5 luglio 2016, Circolo Ufficiali della Marina Militare di Livorno

Martedì 5 luglio al Circolo Ufficiali della Marina Militare di Livorno, si è svolta l’assemblea ordinaria della associazione LOGOS. Il Presidente, Architetti Riccardo Ciorli, ha illustrato con una breve ma intensa relazione un consuntivo delle attività svolte nel corso dell’esercizio sociale 2015 anticipando i progetti futuri che intende sottoporre alla attenzione del Consiglio Direttivo e dei soci. Nel suo intervento, il Presidente, ha rimarcato la ferma volontà di intensificare le sinergie con altre associazioni culturali nonché con le emittenti radiotelevisive al fine di continuare a perseguire gli scopi sociali di divulgazione del sapere, della continua opera di ricerca storico-culturale, non tralasciando l’attività documentale visiva fatta di cortometraggi. L’assemblea ha approvato il bilancio consuntivo 2015 ed il preventivo 2016 alla unanimità.

Il dopo assemblea ha visto l’intrattenimento artistico dello scrittore , attore e musicista Enrico Faggioni (il canta barzellettiere livornese) che, con una singolare performance ha presentato i suoi lavori di scrittore. Tre volumetti illustrati dalla vignettista Lorena Luxardo dai titoli: Livornesi ar barre, Frasi d’amore e scritte sui muri, Proverbi e detti livornesi.

Enrico Faggioni ha raccontato i suoi lavori in maniera affascinante e coinvolgente, con un umorismo in vernacolo livornese mai volgare ma decisamente diretto e colorito che ha riscosso molti commenti positivi tra i nostri soci e le persone invitate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

One comment to 5 luglio 2016, Circolo Ufficiali della Marina Militare di Livorno

  • RICCARDO  Dice:

    Un appuntamento che come sempre va oltre all’obbligo amministrativo, il momento dell’Assemblea dei Soci si è ancora una volta distinto per essere un motivo d’incontro tra gente che crede veramente che ancora si possa fare qualcosa per migliora l’ambiente che ci circonda. L’unico dispiacere ? L’ignoranza di quanti hanno preferito andare al mare a fare gli sciocchi sotto un ombrellone, povera gente povera città.

Rispondi