Presentazione “L’Ammiraglio Napoleone” a Firenze

E’ un grande piacere assistere al fatto che l’Agenzia Logos, unica a Livorno, presenta nella prestigiosa sala del Gonfalone della Regione Toscana il libro che ha realizzato contenente gli atti del convegno internazionale denominato “Ammiraglio Bonaparte”.

Logos Libro Napoleone

Un evento , che premia l’opera di un gruppo di volontari che si dedica da 5 anni a coltivare con passione lo spirito libero della conoscenza in un territorio così agnostico come quello livornese.

Qui ancora non si comprende che di cultura si può vivere in quanto mestiere quotidiano che troppo spesso si delega ad altri ritenendo lo studio e la conoscenza un attivitù assai meno “virile” del lavoro in fabbrica o sui moli del porto.

Sono ancora molti quelli che non credono nel lavoro in campo culturale e per questo la Logosha nel suo manifesto l’uso più viscerale dello strumento  parola attraverso il quale la cultura non deve essere più un sussurro, pane di beghine e falsi profeti ma deve essere qualcosa che si grida con coscienza e determinazione nella società moderna.

Ogni fatto contribuisce a fare la storia e non esistono fatti grandi e fatti piccoli in quanto anche la più insignificante delle azioni ha il genoma della storia cioè  quello di essere irripetibile.

Facendo quindi appello a questo la Logos ha fatto della memoria il bene più prezioso per la sua attività e si prodiga da anni a Livorno come all’Argentario, a Pisa come a Lucca e Firenze, affinchè il ricordo di alcuni fatti che hanno segnato la nostra vita pubblica non cadano nell’oblio.

Nell’anno in cui si è celebrato, in modo internazionale, i duecento anni dell’esilio all’Isola d’Elba di Napoleone Bonaparte, l’Agenzia Logos  ha realizzato per la prima volta a Livorno una giornata internazionale di studi intitolata ” ’Ammiraglio Napoleone” avente come scopo quello di mettere in evidenza la vita del grande condottiero, non attraverso le sue opere militari o i suoi eccessi sentimentali ma analizzando la sua attività legata al mare .

 

Un argomento che, com’è nella consuetudine della Logos è provocatorio e forse anche un pò irriverente, ma presenta quella originalità che ci contraddistingue tutte le nostre iniziative.

A conclusione della giornata di studi, tenutasi il 20 marzo 2015 nei locali della Camera di Commercio di Livorno e avendo constatato il  notevole successo riportato, abbiamo scelto  di pubblicare gli atti e di farlo nello stesso anno.

 

Una decisone rischiosa essendo noi un gruppo di volontari  ma con un pizzico d’incoscienza e tanta voglia del fare il nostro Consiglio direttivo ha deliberato di dare esecuzione all’ambizioso progetto.

 

Siamo riusciti, nonostante le molte cassandre, a realizzare la pubblicazione degli atti in tempi record, cosa non semplice nemmeno per i professionisti nel settore, e questo grazie alla professionalità del personale di una casa editrice  fiorentina come la Polistampa che ha creduto in noi, all’opera paziente della curatrice dell’opera Maria Lia Papi, dello spirito critico di  Salvatore Loiacono e della collaborazione scientifica di Valerio Moggi e quella  tecnica economica di Marco Paglioni.

Naturalmente non avremmo iniziato questa impresa senza la solidarietà degli autori, esperti conoscitori della materia  che ci hanno dato il loro contributo quasi a occhi chiusi, complici in quella “voglia del fare” che tutti mettiamo affinchè  si  arrivi a “muovere il mestolo” nella cultura nell’amorfo ambiente della società attuale.

 

Nonostante il diniego di certe organizzazioni bancarie a cui forse andrebbe spiegato che la cultura non è una coltivazione, siamo fieri di aver raggiunto l’attuale obbiettivo.

Un aiuto determinante si è avuto dal Consiglio regionale della Toscana, dall’ l’Autorità portuale di Livorno, la Camera di Commercio  e l’Associazione industriali di Livorno,

 

Non posso dimenticare quanti tra privati civili e militari hanno dato il loro contributo per la riuscita prima del Convegno e poi per la realizzazione della pubblicazione e quanti tra soci e simpatizzanti ci stanno accompagnando in questo cammino.

 

Infine un ringraziamento  al presidente del Consiglio della Regione Toscana , ai gentili presentatori della serata e a tutti voi che con la vostra presenza riempite il cuore a quanti, come noi, dedicano gratuitamente parte della propria vita al servizio della diffusione della cultura.

 

Grazie.

Rispondi